Audiebant / Dario Denso Andriolo

audiebant
AUDIĒBANT
Installazione immersiva di Dario Denso Andriolo
VIII edizione della Settimana delle Culture
10-19 maggio 2019
Chiesa di san Giovanni dell’Origlione – Palermo
Venerdì 10 maggio alle 21:00 si inaugura alla chiesa di san Giovanni dell’Origlione l’installazione immersiva di Dario Denso Andriolo.
Il frastuono di una strada, l’affastellarsi di voci e di suoni, lo schiamazzo di un mercato, compongono un pattern sonoro, ora accelerato ora rallentato, che sostiene e genera una precisa risposta visiva. Video mapping, modulazioni acustiche e sculture di luce avvolgono lo spazio facendoci scivolare in una dimensione sensoriale pervasiva, ipnotica e profondamente glitchy.
L’interferenza, il rumore, la sovrapposizione di stimoli, ci invitano a riflettere sulla scarsa capacità di ascolto e sulla difficoltà di assimilare informazioni, caratteristiche di un’epoca digitale, sempre più interconnessa ma al contempo assente e deconcentrata.
L’impossibilità di trattenere a lungo dei dati, generata dalla proliferazione massiva degli schermi, si traduce in un’esperienza percettiva fortemente magnetica, in grado di condurci da fuori a oltre lo schermo.
L’evento, organizzato in occasione dell’VIII edizione della Settimana delle Culture e sostenuto da Amici dei Musei Siciliani e Italia Nostra (sezione Palermo), è a cura di Maria Luisa Montaperto. Le proiezioni si svolgeranno in orario serale, dal 10 al 19 maggio, fino alle ore 22:00.

AUDIĒBANT
Installazione immersiva di Dario Denso Andriolo
VIII edizione della Settimana delle Culture

10-19 maggio 2019
Chiesa di san Giovanni dell’Origlione – Palermo

Venerdì 10 maggio alle 21:00 si inaugura alla chiesa di san Giovanni dell’Origlione l’installazione immersiva di Dario Denso Andriolo.

Il frastuono di una strada, l’affastellarsi di voci e di suoni, lo schiamazzo di un mercato, compongono un pattern sonoro, ora accelerato ora rallentato, che sostiene e genera una precisa risposta visiva. Video mapping, modulazioni acustiche e sculture di luce avvolgono lo spazio facendoci scivolare in una dimensione sensoriale pervasiva, ipnotica e profondamente glitchy.
L’interferenza, il rumore, la sovrapposizione di stimoli, ci invitano a riflettere sulla scarsa capacità di ascolto e sulla difficoltà di assimilare informazioni, caratteristiche di un’epoca digitale, sempre più interconnessa ma al contempo assente e deconcentrata.
L’impossibilità di trattenere a lungo dei dati, generata dalla proliferazione massiva degli schermi, si traduce in un’esperienza percettiva fortemente magnetica, in grado di condurci da fuori a oltre lo schermo.

L’evento, organizzato in occasione dell’VIII edizione della Settimana delle Culture e sostenuto da Amici dei Musei Siciliani e Italia Nostra (sezione Palermo), è a cura di Maria Luisa Montaperto. Le proiezioni si svolgeranno in orario serale, dal 10 al 19 maggio, fino alle ore 22:00.